Come scegliere le Parole Chiave per farti Amare da Google

Il corretto utilizzo delle keywords (o parole chiave) è uno degli aspetti fondamentali per chi si occupa di ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO).

L’aumento esponenziale dei contenuti e delle ricerche online, se da un lato ha accresciuto la quantità delle informazioni reperibili, dall’altro ha reso più complesso per gli esperti del settore individuare le parole chiave adatte per raggiungere il proprio pubblico di riferimento.

Infatti, la crescita in quantità e qualità dei contenuti di pari passo con l’accresciuta conoscenza del funzionamento dei motori di ricerca, ha condotto gli utenti all’utilizzo di termini di ricerca più specifici ed in un certo senso complessi per trovare rapidamente ciò di cui avessero bisogno.

Questo significa che per i professionisti del marketing è diventato essenziale scegliere e trovare le parole chiave giuste per farsi trovare da un target specifico di pubblico.

Ora, gli esperti di SEO suddividono le parole chiave in due gruppi principali: Broad Keywords o “Parole chiave generiche” e long-tail keywords o “Parole chiave a coda lunga”, ovvero delle keywords più specifiche. Entrambe, a loro volta, si suddividono in altre sotto categorie.

Prima di definire le differenze tra le diverse categorie, e sotto categorie, cerchiamo di capire cosa sono le Keywords e perchè sono così importanti per il marketing.

Cos’è una parola chiave o Keyword? Perché le parole chiave sono importanti per il Marketing?

Una keyword, o una parola chiave, è il termine (o i termini) che immetterai in Google o negli altri motori di ricerca per avere le informazioni di cui necessiti.

Le keyword sono quindi i termini che il proprietario di un sito web o il professionista SEO utilizzerano per ottimizzare un sito web, cercando di posizionarsi in cima ai risultati Google per termini di ricerca specifici.

Il corretto utilizzo delle parole chiave è un aspetto fondamentale quando si vogliono raggiungere determinati obiettivi di marketing in modo sostenibile e nel lungo termine.

Infatti, posizionarsi nei primi posti dei risultati di ricerca organica per termini specifici ti permetterà attirare gratuitamente visitatori sul tuo sito, senza quindi spendere soldi per la pubblicità online.

Inoltre, attrarre traffico online tramite la ricerca organica, significa attrarre un pubblico specifico e di qualità, intenzionato a trovare contenuti come il tuo.

Questo spiega perché per avere una crescita online imponente e duradura è importante stabilire una presenza organica e quindi produrre contenuti di qualità in grado non soltanto di attrarre ma anche portare soluzioni e risolvere i problemi del pubblico di riferimento.

Questo obiettivo potrà essere raggiunto mediante una strategia di content marketing efficace ed un corretto utilizzo delle tecniche SEO.

Quindi, una scelta oculata ed un corretto utilizzo delle keywords potrebbe portare risultati soreprendenti in termini di crescita nel web.

Vediamo come trovare e scegliere le parole chiave giuste per i tuoi obiettivi di marketing.

Come trovare e scegliere le parole chiave

La scelta delle parole chiave è una parte essenziale della tua strategia di marketing. Infatti queste stabiliranno come e dove farti trovare online, stabilire i tuoi punti di forza e battere i tuoi competitors online.

Utilizzare le giuste parole chiave, ti permetterà di indirizzare le buyer personas sul tuo sito invece che su quello dei tuoi competitors.

Il processo di ricerca delle parole chiave (la keyword research) per il tuo sito è quindi molto importante.

Se fino a qualche anno fa era sufficiente utilizzare come target keywords generiche e popolari di un determinato settore per farsi trovare nel web, l’immensità di contenuti e siti web presenti ora online ha reso queste troppo competitive.

Questo siginifica che dovrai carcare parole chiave più specifiche, meno competitive ma allo stesso tempo con un volume di ricerca consistente. Come fare?

Ci sono alcuni fattori che stabiliscono la qualità di una keywords. Le principali sono:

  • Rilevanza
  • Volume di ricerca
  • Concorrenza e Competitività
  • CPC (Costo per Click)
  • Numero di parole
  • Intento

Per rilevanza delle keywords: si intende la pertinenza delle parole chiave con il business o l’argomento principale del tuo sito. Per trovare le parole chiave migliori adatte al tuo business dovrai porti alcune domande e metterti nei panni dei tuoi lettori e di quelli che vorresti raggiungere.

Quali termini di ricerca potrebbero utilizzare gli utenti del tuo target per cercare il prodotto o servizio che vuoi offrire? Quali sinonimi o varianti linguistiche potrebbero scegliere?

Questi quesiti non sono altro che il completamento del quesito principale che dovresti porti prima della creazione di ogni contenuto: quale problema dei miei lettori voglio risolvere? Quale soluzione volgio offrire?

Questo lavoro è indispensabile per capire la pertinenza del contenuto.

Il volume di ricerca: è il numero delle volte che una parola chiave viene utilizzata nelle ricerche online in un determinato periodo di tempo (solitamente si utilizzano le ricerche mensili, ma per avere informazioni dettagliate riguardo il trend di una parola chiave dovresti analizzare anche periodi più lunghi come le ricerce a 3,6 mesi o un anno). Per analizzare il trend nel corso del tempo di una parola chiave potresti utilizzare uno strumento gratuito come Google Trends.

Attraverso questa metrica, potrai valutare la popolarità di una determinata query di ricerca e quindi il traffico che potenzialmente potresti attrarres sul tuo sito web.

Automaticamente ti verrebbe di utilizzare parole chiave con un volume di ricerca altissimo per attrarre più visitatori possibili sul tuo sito web. Purtroppo, non funziona proprio così.

Infatti maggiore è il volume di ricerca e più sarà la competitività, e di conseguenza saranno davvero poche la possibilità di apparire nella prima pagina dei motori di ricerca per una parola chiave molto competitiva.

Infatti, più una parola chiave è ricercata e più è probabile che ci siano migliaia di siti in competizione per conquistare la prima pagina dei motori di ricerca.

Una metrica che ti aiuta a capire la competitività di una parola chiave è la Keyword difficulty. Quest’ultima di aiuta a capire quanto è difficile piazzarsi organicamente in alto nei motori di ricerca.

Questo è un valore che si basa sulla concorrenza, e quindi sulla qualità e la forza dei siti già presenti in prima pagina per quella determinata keyword. Quanto più questa è alta, tanto più sarà difficile e maggiore sarà il lavoro che dovrai fare per conquistare Google.

Il Costo Per Click (CPC) della parola chiave è un parametro essenziale per le campagne di SEM (Search Engine Marketing) ma può essere utile anche come fattore da considerare per il SEO.

Il “costo per clic” (CPC) ti dice quanto paga un inserzionista ogni volta che un utente fa clic sul tuo annuncio dopo aver cercato la keyword.

Quindi per esempio se il CPC della parola chiave è di 1,50 euro, questo vuol dire che ogni volta che un utente fa una ricerca per quella parola chiave e clicca su un annuncio pubblicitario, l’inserzionista pagherà 1,50 euro per quel click.

Il CPC è un parametro essenziale quando devi stimare il costo di una campagna pubblicitaria per determinate keywords in considerazione del budget a disposizione.

Il CPC potrà esserti utile come parametro aggiuntivo nella valutazione delle difficoltà di una keywords in aggiunta alla competitività ed al volume di ricerca.

Il numero di parole di una keyword è un altro modo per affinare la tua ricerca.

Trovare delle query più specifiche è avere un’idea molto più precisa del contesto nelle intenzioni di ricerca.

E’ normale che keyword con più parole sono molto più specifiche ed avendo un intento chiaro sono anche più facili da raggiungere.

Il numero di parole di una keywords è anche il fattore che stabilisce la differenza tra parole chiave generiche e parole chiave a coda lunga, come vedrai nel prossimo paragrafo.

L’intento di una parola chiave, indica cosa intende fare un utente che fa una ricerca su qualsiasi motore di ricerca.

L’utente vuole comprare qualcosa? Oppure, sta semplicemente cercando un informazione?

I professionisti del SEO individuano tre principale categorie di intento:

  1. Intento Transazionale
  2. Intento Navigazionale
  3. Intento Informazionale

Una o l’altra categoria vengono utilizzate anche per distinguere le diverse categorie e sottocategorie di keywords. Come vedrai nel prossimo paragrafo.

Come si distinguono le Parole Chiave

Gli esperti di SEO individuano due gruppi principali di parole chiave, a loro volta suddivisi in sottogruppi.

I due gruppi pincipali sono: Broad Keywords “parole chiave generiche” e Long-Tail Keywords “parole chiave a coda lunga”.

La principale differenza è che le parole chiave generiche sono formate da 1 o due parole, mentre le parole chiave a coda lunga sono formate da 3 fino a 7–8 parole.

A loro volta, le parole chiave generiche (1–2 parole) possono essere suddivise in due tipi: navigazionale e generale.

La maggior parte delle parole chiave generiche sono di tipo di navigazionale. Ad esempio “Facebook”.

Infatti per aprire facebook ti basta digitare “Facebook” nel motore di ricerca e fare clic sul primo risultato della ricerca per navigare dentro Facebook.

Il tuo intento infatti era proprio quello di aprire facebook (navigare).

Invece, le parole chiave generali potrebbero essere ad esempio: “vendite”, “miglior processore” o “monitor migliori”.

Dove gli intenti non sono specifici ed anche i risultati della ricerca saranno più generali.

Le parole chiave a coda lunga sono generalmente più specifiche delle parole chiave generiche.

Possiamo distinguere tre tipi di parole chiave a coda lunga: informative, transazionali e generali.

Informative: ad esempio “come usare uno smartphone”, è chiaro che stai cercando delle informazioni. Vuoi sapere come si usa uno smartphone ed il motore di ricerca darà come risultati tutorial, articoli etc.. per imparare ad utilizzare lo smartphone.

Transazionali: per esempio, “Acquista scheda grafica online” o “Acquista TV LED online”, stai cercando di acquistare online o di effettuare una transazione e desideri il miglior consiglio o il miglior sito Web che ha il prodotto con il prezzo più basso.

Ecco perché stai cercando la parola chiave “acquista”.

Generali: “sito Web eCommerce WordPress”.

Questa non è una parola chiave a coda lunga informativa né transazionale. Infatti anche in questo caso non è chiaro l’intento della tua ricerca.

Se invece aggiungi “Come creare” e quindi scrivi “Come creare un sito Web WordPress di eCommerce”, questa diventa una parola chiave informativa a coda lunga, perché stai cercando di acquisire informazioni.

Aggiungendo invece”acquista”, questa diventa una parola chiave a coda lunga transazionale.

Solitamente, se possiedi un eCommerce online dovresti scegliere come target una parola chiave transazionale a coda lunga, mentre se hai un blog, dovresti scegliere come target parole chiave informative a coda lunga.

Le parole chiave generiche sono più adatte solo per blog di autorità superiore o siti web di contenuti.

Per le parole chiave generiche, prevale una concorrenza molto elevata, poiché ricevono un traffico molto elevato.

Quindi un sito web più recente o un sito web con un’autorità di dominio inferiore non potrà mai competere per parole chiave generiche.

Pertanto, se hai appena iniziato o se non hai così tanti backlink autorevoli, ti consiglio di scegliere come target parole chiave a coda lunga e poco competitive, prima. Ottieni il traffico iniziale, che attiverà più condivisioni social, quindi riceverai backlink o link in entrata da siti Web più autorevoli.

Una volta che l’autorità di dominio del tuo sito Web aumenterà, potrai allora competere con siti Web più autorevoli per parole chiave generiche.

Conclusioni: Come scegliere le Parole Chiave per la SEO

Una strategia di Marketing e di Branding efficace dipende anche dalla scelta delle keywords. Si possono individuare delle regole generali che possono aiutarti a scegliere correttamente le parole chiave da utilizzare:

  • Ogni contenuto che aggiungi sul tuo sito deve essre ben strutturato e chiaro nelle intenzioni. Prima di scrivere o creare un contenuto dovresti porti queste domande: Quale problema voglio risolvere? Quale soluzione voglio offrire? Quali termini di ricerca utilizzeranno gli utenti per trovare il prodotto o servizio da te offerto? Se vendi qualcosa poniti nei panni di chi comprerebbe i tuoi prodotti, se invece produci informazioni, poniti nei panni dei tuoi lettori
  • Cerca di evitare parole chiave con siginificati multipli, quindi parole chiave generiche, cerca di essere più specifico possibile.
  • Se hai già diversi contenuti sul tuo sito, controlla gli attuali riferimenti di ricerca del tuo sito tramite la Google Search Console e sviluppa contenuti su questi termini.
  • Specialmente all’inizio, utilizza parole chiave a coda lunga che sono più facili da trovare, sono specifiche ed hanno una bassa concorrenza.
  • Se non sei ancora un TOP Player nel settore, non scegliere parole chiave generiche troppo competitive, per la quale è troppo difficile apparire nei primi risultati dei motori di ricerca
  • Mediante sondaggi ed interviste, cerca di capire a cosa è interessato il tuo target di riferimento, e sviluppa contenuti sui loro interessi.

Aggiungi l’autore in Likedln: Christian Battistoni | SEO Specialist

Articolo orginale: come scegliere le parole chiave per i tuoi contenuti

--

--

--

Amo viaggiare e mangiare. Sono un appassionato del mondo digitale. Mi piace scrivere ed essere utile. Mio occupo di digital e content marketing, SEO, Branding.

Love podcasts or audiobooks? Learn on the go with our new app.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store
Christian Battistoni

Christian Battistoni

Amo viaggiare e mangiare. Sono un appassionato del mondo digitale. Mi piace scrivere ed essere utile. Mio occupo di digital e content marketing, SEO, Branding.

More from Medium

Tools for getting started with NFTs on Ethereum

Will the dollar remain the default global currency?

Create a Website in 30 Minutes? Finally, yes!

Youtube Vanced App Terminated Due To Threat From Google